14° Capitolo Provinciale - Comunicato Stampa n. 6

domenica, 16 luglio 2006

Incontro con le congregazioni femminili della Famiglia Paolina

Venerdì, i Capitolari hanno lavorato tutto il giorno in sessioni separate, 12 membri per gruppo, avendo a disposizione 4 quattro piste di lavoro preparate dalla Commissione Centrale sui temi portanti della Relazione del Provinciale: Spiritualità, Studio, Apostolato, Povertà. Le quattro ruote del “carro paolino”. Occorre individuare le linee pratiche e operative che tesseranno il documento programmatico. Si aggiungerà, in seguito, una quinta area di analisi sul tema della Famiglia Paolina, ma sarà affidata alla stesa Commissione Centrale.

* * *

Sabato aspettiamo l’incontro con le congregazioni femminili della Famiglia Paolina. Ma al mattino, prima della Celebrazione Eucaristica, viene dato l’annuncio della morte del caro nostro fratello Don Fedele Molino, che tutta l’Assemblea aveva seguito nell’aggravarsi della malattia. Viene evocata l’icona della Pietà, la Vergine Madre Addolorata che accoglie tra le sue braccia il figlio morto, non più sofferente, purificato, avviato alla gloriosa Risurrezione che attendiamo con fede. La Messa di suffragio dei Concelebranti è per lui.

Alle ore 9,00 in Aula capitolare incontriamo, per prime, le Figlie di San Paolo, rappresentate dalla Superiora provinciale, Sr. Giovanna Maria Carrara. È reduce da lunga esperienza di Governo (due mandati di Superiora Generale) e da quattro anni di missione in Africa (Nairobi, Kenya). Le recenti problematiche paoline italiane, con particolare riferimento alla Società San Paolo, le sfuggono, ma presenta alcuni desiderata delle sue Sorelle, soprattutto riferiti al dialogo reciproco, alla collaborazione e ai momenti di formazione sulle realtà socio-ecclesiale e sulla interpretazione e attuazione dei fondamenti carismatici, oltre che nell’animazione spirituale e nelle iniziative comuni, quali la “Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali”, il Festival Biblico, la Giornata della Famiglia Paolina, le Celebrazioni Eucaristiche nel Santuario Regina Apostolorum. Personalmente invece ha voluto partecipare una sua recente approfondita convinzione: la collaborazione e la comunione trovano il miglior terreno di attuazione quando si è poveri, bisognosi di tutto e di tutti. Le sollecitazioni dell’Assemblea sono garbate ma precise: ricominciare a dialogare, a collaborare, non solo è opportuno ma necessario, per l’evangelizzazione e per il carisma paolino che dobbiamo trasmettere ai laici nostri collaboratori.

Molto esauriente la relazione della Provinciale delle Pie Discepole del Divin Maestro, sr. Laura Mancini. L’arco dell’esperienza delle Pie Discepole con la Pia Società (lasciateci passare questo linguaggio corrente) è molto ampio. Il tempo è passato e il ruolo di servizio nelle case paoline è necessariamente più ridotto. C’è stato un Capitolo Generale e la ri-scrittura delle Costituzioni, che ora si chiamano Regola di Vita. Le giovani generazioni delle Pie Discepole e i nuovi linguaggi di comunicazione apostolica portano a delineare nuovi confini di azione. Ad esempio, il servizio ai Sacerdoti viene ri-meditato come “Servizio mariano”. Si sta compiendo un grande sforzo di rinnovamento attraverso cicli di formazione per le 338 sorelle della Provincia Italia, rappresentate da 33 comunità, di cui solo 12 sono case della SSP. I Capitolari sollecitano di creare insieme nuove forme di apostolato, dalle quali emerga la varietà, la forza, il volto spirituale della Famiglia Paolina.

Le Suore di Gesù Buon Pastore, le Pastorelle, sono rappresentate da Sr. Fernanda Zampini, per la Provincia Italia Centro Nord, vicaria provinciale. La provincia del nord sostiene anche una missione diocesana in Mozambico. La Provincia Italia Centro Sud – Albania, invece, è rappresentata da Sr. Lina Santantonio, consigliera e segretaria provinciale. L’apostolato dominante si svolge nell’ambito parrocchiale, e nelle relative scuole materne, che vanno diminuendo al sud. Ora l’istituto si sta orientando verso una scelta di pastorale vocazionale e una maggior cura per la formazione del clero. Il problema delle vocazioni si pone anche per le Pastorelle, che pure operano in Parrocchia, spesso confuse però con le animatrici parrocchiali laiche. Non sempre infatti si riesce a far comprendere l’ispirazione di Don Alberione della vocazione delle Pastorelle, donne consacrate, accanto al sacerdote e al ministero sacerdotale. Le Pastorelle e la SSP auspicano reciprocamente maggiori contatti e conoscenze.

Per le Suore dell’Istituto Regina degli Apostoli per le Vocazioni, le Apostoline, è presente la Superiora generale Sr. Franca Laratore. Le loro fondazioni si estendono in Italia, in Brasile e in Polonia. In Italia ci sono tre Case, e tra esse quella di Castelgandolfo le riepiloga tutte. Si fa apostolato tecnico, redazione, formazione, animazione dei giovani e pastorale universitaria. Attualmente le Apostoline sono 50, e tra queste numerose giovani. “Per la vicinanza e il sostegno che i Paolini ci esprimono, noi Apostoline - dice con amabilità Sr. Franca – non abbiamo nessun problema ad accettare e a sentire la Società San Paolo come nostra altrice”.

Quando le Annunziatine, i Gabrielini, Santa Famiglia, Gesù Sacerdote e l’Associazione Cooperatori Paolini sono intervenuti nel pomeriggio, la inconsueta adunata del mattino ha perso i connotati di diaspora; ci ritroviamo tutti come a casa, sorridenti. Non sarà facile ritrovarci così. Gli Istituti di Secolari di Vita Consacrata ci hanno dato, poi, sincere e caritatevoli risposte su tre quesiti: il loro punto di vista sulla Società San Paolo e l’efficacia della sua missione oggi; i desideri e le aspettative degli istituti dai Fratelli Paolini; le indicazioni di passi concreti per migliorare il rapporto tra gli Istituti della Famiglia Paolina.

L’invito alla preghiera, a conclusione della giornata, ci fa pensare oggi a un altro delegato speciale di questo Capitolo, Don Fedele Molino. Potremmo già eleggerlo consigliere, un consigliere-intercessore per la San Paolo, per le Pie Discepole, per le Figlie, per le Pastorelle, per le Apostoline e per tutta la Famiglia Paolina che egli ha amato fino alla fine.

Don Tommaso Mastrandrea, Don Antonio Tarzia
Ariccia, 16 settembre 2006


Scarica il Comunicato n. 6

Ricerca veloce

Calendario

Dicembre 2019
Dicembre 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4